You dont have javascript enabled! Please enable it!

Bus HOW-TOs

Business Intelligence

Microsoft® Power BI
Microsoft® Power BI

Tra i migliori strumenti di Business Intelligence è stato selezionato Microsoft Power BI.

Si tratta di uno strumento molto potente che è possibile iniziare ad utilizzare gratuitamente effettuando il download di Power BI Desktop.

Tra i vantaggi:

  • Consolidare in un unico punto più fonti di dati
  • Trasformare, integrare e arricchire i dati con formule DAX
  • Modellare i dati mettendoli in relazione
  • Effettuare analisi anche grazie all’intelligenza artificiale
  • Creare numerosi report interattivi e personalizzati
  • Pubblicare e condividere i report con Power BI Pro (a pagamento)

Documentazione di Power BI


build

IMPARARE

Se vuoi sperimentare scarica Power BI Desktop e inizia a leggere la documentazione

business

SOLUZIONE

Se cerchi una soluzione per una casisitica particolare che si possa adattare all’articolazione della tua Azienda, contattaci

people

CONFRONTO

Se invece disponi già di una soluzione di business intelligence ma vuoi confrontarti per l’analisi dei dati, prenota una consulenza

2022-11-25T12:54:57+01:00Di |Commenti disabilitati su Business Intelligence

Mancano Analisi sull’andamento

Introduzione

Quando, in quanto tempo e con l’impiego di quante risorse dispongo delle informazioni indispensabili per sapere se le previsioni e le aspettative sono state raggiunte?

Sempre più spesso i cambiamenti continui a cui siamo sottoposti impongono al Management di un’organizzazione di accedere ad analisi che consentono di leggere in sintesi, e nei livelli di dettaglio desiderati, i risultati.

Si tratta di un’esigenza che abbraccia le diverse funzioni: analisi delle vendite, del mercato, dei bilanci infrannuali, dei rendiconti finanziari, dei rischi, del clima organizzativo, dei dati sulla produzione e in generale in ogni luogo dove sono presenti dati che necessitano di “dialogare” per poter esprimere numeri significativi.

Oggi l’innovazione tecnologica consente di aiutare notevolmente lo sviluppo di soluzioni che possono essere implementate anche all’interno delle singole realtà, magari con l’aiuto di qualche specialista e il supporto di consulenti esterni che aiutano alla lettura dei dati e a capire quali sono le decisioni più opportune da prendere.

Ci riferiamo agli strumenti di Business Intelligence.


Qualità dei dati

Non bisogna dimenticare che qualsiasi tipologia di analisi dipende dalla qualità dei dati da cui attinge. Se non sono aggiornati, veritieri o incompleti il risultato potrebbe perfino essere fuorviante.

E’ pertanto indispensabile operare anche nell’ottica di avere strumenti che, grazie alle più recenti innovazioni, agevolino la creazione, gestione, manutenzione ed accessibilità dei dati.

Gli esempi possono essere numerosi; chiediamoci se, ad esempio, la qualità dei dati relativi alla contabilità anche di magazzino – e alla sua periodica valorizzazione -, alle analisi del fabbisogno e dei rischi finanziari, alle presenze e assenze del personale, ecc., sono di qualità.

Analisi dei dati

Il passato

Analisi descrittiva

Legge i dati del passato e trova modalità per descriverli in sintesi attraverso dashbord, grafici, tabelle, report.

Analisi diagnostica

Analizza a fondo i dati con lo scopo di comprendere gli accadimenti.
Ad esempio, se da un lato si registra un miglioramento dei risultati gestionali, da un’analisi approfondita si potrebbe comprendere che il risultato aziendale complessivo sia stato determinato da un’ottimo risultato di un’unità di business che però al contempo presenta una flessione dell’altro business. Tale evidenza non emergerebbe se non si “esplodessero” i dati.

Il futuro

Analisi predittiva

Attraverso i dati storici, con l’analisi dei trend, si predice quelli che potrebbero essere i risultati in un prossimo futuro.

Analisi prescrittiva

L’analisi prescrittiva suggerisce diversi scenari, varie linee d’azione evidenziando le potenziali implicazioni per ciascuna di esse.
Ora che conosco il passato e il prossimo futuro, cosa dovrei fare? Aiuta nella presa di decisioni con maggiore consapevolezza.


I prossimi passi

Negli approfondimenti pubblicati vengono esplorate le possibilità di impiego fornendo accesso pubblico, o libero accesso a coloro che si registrano al portale, ad alcune informazioni utili per iniziare, proseguendo poi – per livello di Membership – con soluzioni indicate per l’Analisi Economica, fino ad approfondire casistiche specifiche che consentono di predisporre modelli personalizzabili per le proprie esigenze.

2022-12-21T19:26:35+01:00Di |Commenti disabilitati su Mancano Analisi sull’andamento

E-commerce e Tasse

ALIQUOTE D’IMPOSTA

Oltre alle imposte standard WooCommerce consente di definire gruppi d’imposte per poter cogliere le esigenze di tassazione specifiche del venditore.

Per poterle definire occorre, dal pannello di amministrazione, aprire la pagina WooCommerce –> Impostazioni –> Imposte

Nel campo “Aliquote d’imposta aggiuntive” aggiungere le righe con le classi fiscali desiderate.

Dopo aver aggiornato i dati la nuova classe sarà disponibile tra le Opzioni Imposte (subito sotto la tab “Imposte” in alto).

Selezionando la classe è possibile gestirla manualmente, importando o esportando i dati con file in formato csv.

BENI DIGITALI

Impostare le tasse per i beni digitali consente di calcolare automaticamente le tasse in fase di controllo dell’ordine, sulla base del paese di appartenenza.

Esempio dei dati che potrebbero essere inseriti.

tax_rate_country tax_rate_state postcode city tax_rate tax_rate_name tax_rate_priority tax_rate_compound tax_rate_shipping
AT 20,00 Austria VAT 1 0 1
BE 21,00 Belgium VAT 1 0 1
BG 20,00 Bulgaria VAT 1 0 1
CY 19,00 Cyprus VAT 1 0 1
CZ 21,00 Czechia VAT 1 0 1
DE 19,00 Germany VAT 1 0 1
DK 25,00 Denmark VAT 1 0 1
EE 20,00 Estonia VAT 1 0 1
ES 21,00 Spain VAT 1 0 1
FI 24,00 Finland VAT 1 0 1

PRODOTTI E ALIQUOTE

Dopo aver impostato le classi desiderate posso associare il prodotto desiderato alla relativa classe di appartenenza.

Ad esempio, se tramite l’e-commerce voglio vendere file digitali consentendone il download, dovrò indicare come aliquota d’imposta “Digital Goods”.